Fragole di montagna, un prodotto estivo che fa tendenza

14 giugno 2018

Partita la raccolta nel veronese a 1200 metri d’altitudine

Parte la stagione delle fragole di montagna in provincia di Verona, a 1200 metri sul livello del mare. Con il marchio Fragolà Ceradini Group offre un prodotto di alta qualità, la cui raccolta entra nel vivo in questi giorni e si protrarrà fino alla fine del mese di ottobre.

 

“Abbiamo una potenzialità di oltre 220 tonnellate di fragole – spiega il titolare Massimo Ceradini – delle varietà Irma e Murano. Si caratterizzano per avere frutti con elevato °Brix e ottima tenuta. Anche quest’anno abbiamo quasi 400mila piante che rendono il nostro impianto uno dei più importanti d’Europa nella sua tipologia”. La caratteristica principale sta nella coltivazione fuorisuolo e in coltura protetta. La località è Velo Veronese, in altura. Responsabile tecnico è Mattia Brutti,coadiuvato da Davide Dal Molin.

Tutto è organizzato nei minimi particolari. La raccolta avviene, grazie a una cinquantina di collaboratori, dal mattino presto fino alle 12. Poi si ferma per preservare la qualità dei frutti. Appena staccate dalle piante, le fragole vengono confezionate e riposte in ambiente refrigerato. Entro poche ore arrivano al magazzino centrale e poi distribuite secondo gli ordini della giornata.
“Quest’anno abbiamo un forte incremento di ordinativi da parte della Gdo italiana – continua Ceradini – pur continuando a lavorare con tutti gli altri canali. La costanza e l’omogeneità delle forniture, accompagnate dall’elevata qualità garantita dalla coltivazione in montagna, rendono il nostro prodotto appetibile per chi voglia distinguersi”.
Dal punto di vista agronomico, la coltivazione fuorisuolo permette di ottimizzare gli input nutrizionali. La difesa è facilitata dalla protezione dei tunnel e i trattamenti sono ridotti al minimo e lontani dalla raccolta. Contro Drosophila suzukii sono state sistemate migliaia di trappole per la cattura ma, grazie all’attenzione avuta già da molti anni a questa parte, la pressione dell’insetto è piuttosto bassa.
Sempre sul fronte del rispetto ambientale, l’acqua di irrigazione viene accumulata in sei grandi vasche e riutilizzata una volta che è stata immessa nel circuito del fuorisuolo.
“Le vendite stanno entrando a regime – conclude Ceradini – e il prodotto viene offerto nelle classiche confezioni da 2 kg peso garantito, aperte, floppate o coperchiate. Oltre alla Gdo, che quest’anno ha mostrato un forte interesse, continuiamo a lavorare con i Mercati generali e boutique della frutta”.
Contatti:
Massimo Ceradini
Ceradini Group
Tel.: (+39) 045 8510268
Fax: (+39) 045 8518981
Cell.: (+39) 347 5366206
Email: info@ceradinigroup.com
Web: www.ceradinigroup.com

 

Data di pubblicazione: 14/06/2018
Autore: Cristiano Riciputi

Torna alla lista